Attenzione, verificare le informazioni poichè gli orari e le modalità di accesso potrebbero variare a causa dell'emergenza COVID-19

Castello di Aberystwyth, Galles



Il castello di Aberystwyth, in Galles, è in realtà costituito dalle rovine della fortezza in pietra costruita intorno al 1200, in epoca edoardiana, intorno a cui successivamente si sviluppò il centro abitato. Si tratta di uno splendido esempio di come valorizzare il patrimonio culturale ed architettonico di una città: le rovine sono aperte al pubblico e trasformate in un parco verde, il Castle Grounds, estremamente curato e ben tenuto.

Castello di Aberystwyth, Galles



Del castello è rimasta in buone condizioni la torre nord con il cancello di ingresso, che è stata arricchita dalla ricostruzione di un ponte in legno.
Un buon numero di panchine accolgono i visitatori, liberi di esplorare diversi ambienti, o di rilassarsi guardando il panorama della Cardigan Bay: il castello si trova infatti a ridosso del mare, su di una scogliera ad un estremo della promenade, il lungomare della città.

Castello di Aberystwyth
Oltre alla torre settentrionale, sono ben conservate anche le torri di pietra esterne, a forma di D, che si affacciavano sulla città, e dalle rovine ben si comprende la struttura a mura concentriche del castello, per avere più livelli di protezione nei confronti dei nemici.
I bambini più grandi possono esplorare ed arrampicarsi sui resti delle mura (anche se i più piccoli vanno seguiti, perché non vi sono ringhiere o transenne), inoltre vi è un adiacente parco giochi di medie dimensioni.
Alcuni cartelli aiutano a comprendere meglio la struttura originaria del castello con le varie stanze.

Indirizzo: Castle Grounds, Aberystwyth

Orari: aperto 24h

Costo: Gratuito

Sito ufficiale: Aberystwyth Castle - aberystwyth.org.uk


Visto negli articoli:
Castelli del Galles
Galles con bambini


Chiese e Castelli Aberystwyth Ceredigion (Regione) Galles

Attenzione, verificare le informazioni poichè gli orari e le modalità di accesso potrebbero variare a causa dell'emergenza COVID-19